Un appello impazza in rete: salvate Miguel!

- | 0 commenti

Save MiguelIl vero protagonista dell’estate 2008? E’ Miguel …e dobbiamo salvarlo!
Da qualche giorno c’è un messaggio, “Save Miguel” appunto, avvistato su strade, ponti, luoghi pubblici di mezzo mondo, soprattutto in Australia. Decine di pecore e mucche sono state dipinte per l’occasione.

E nella rete è scoppiata la Miguel-mania. Innanzi tutto c’è un sito, www.savemiguel.com, un video su Youtube molto simile al trailer di un film, e un countdown che indica oggi -12 ma senza fornire alcun riferimento su ciò che starebbe per accadere.

Gli indizi facevano pensare ad una campagna pubblicitaria di un film in uscita ma da qualche ora si è scoperto che in realtà c’è dell’altro.
Secondo il quotidiano australiano The Australian, Miguel in realtà non è una persona in carne ed ossa ma addirittura una foresta portoghese. Da salvare.
L’appello infatti sarebbe stato organizzato dagli industriali del sughero del Portogallo, principale produttore al mondo di questo materiale, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul suo utilizzo.

Molti importanti produttori di vino infatti avrebbero già pianificato di sostituire il sughero per la conservazione e chiusura delle bottiglie con altri materiali quali l’alluminio. Il sughero sarebbe responsabile di contaminare il vino per una percentuale che arriva al 2% dell’intera produzione. Una minaccia per l’intera industria del sughero, materiale invece che può essere considerato “amico” della natura in quanto riciclabile e ricavabile dagli alberi senza la necessità di abbatterli.

Un appello ambientalista quindi. Ma soprattutto una massiccia campagna di marketing virale. Con un mistero ancora da svelare..cosa accadrà al termine del countdown, ovvero l’11 agosto?

 

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.